Che cosa sono gli autoveicoli ad uso speciale

Gli autoveicoli per uso speciale sono muniti di particolari carrozzerie che li rendono idonei a specifici impieghi i cui allestimenti sono indicati nell’art. 203 regolamento di esecuzione al CDS il cui elenco, unitamente ad altri individuati dal DTNAGP (Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale), è tassativo.
Tali veicoli vengono realizzati, di norma, su veicoli appartenenti alle categorie internazionali “M” oppure “N” a seconda che siano adibiti rispettivamente al trasporto di persone o al trasporto di cose.
Le definizioni di veicolo per uso speciale previste dalle norme nazionali (CDS e relativo regolamento di esecuzione) devono essere confrontate con quelle attribuite a tali tipi di veicoli dalla vigente normativa UE.

AUTOVEICOLI PER USO SPECIALE

Gli autoveicoli per uso speciale sono veicoli muniti permanentemente di speciali attrezzature e adibiti prevalentemente al trasporto proprio; su tali veicoli possono essere trasportati il personale ed i materiali connessi con il ciclo operativo delle attrezzature nonché persone e cose connesse alla destinazione d’uso delle attrezzature.
La normativa UE definisce “veicoli per uso speciale” i veicoli con caratteristiche tecniche specifiche che consentono loro di svolgere una funzione che richiede disposizioni e/o attrezzature speciali: la definizione si discosta lievemente da quella prevista dal vigente CDS nazionale ma non appare con essa in contrasto.

I veicoli ad uso speciale sono caratterizzati dalla presenza di una specifica attrezzatura che:
• rende idoneo il veicolo ad un particolare e ben definito uso;
• non consente il trasporto di merce; il veicolo non ha una portata ma solamente una portata fittizia valida ai fini fiscali; di norma, la tara del veicolo completo dell’attrezzatura (autoscala, autopompa, ecc.) risulta di poco inferiore a quella complessiva ammessa per l’autotelaio;
• non consente il trasporto di persone (possono prendere posto sul veicolo solamente le persone necessarie per garantire lo svolgimento del ciclo operativo dell’attrezzatura).

AUTOVEICOLI CLASSIFICATI PER USO SPECIALE

Sono classificati per uso speciale:
• trattrici stradali,
• autospazzatrici,
• autospazzaneve,
• autopompe,
• autoinnaffiatrici,
• autoveicoli attrezzi,
• autoveicoli scala ed autoveicoli per riparazione di linee elettriche,
• autoveicoli gru,
• autoveicoli per il soccorso stradale,
• autoveicoli con pedana o cestello elevabile,
• autosgranatrici,
• autotrebbiatrici,
• autoambulanze,
• autofunebri,
• autofurgoni carrozzati per trasporto di detenuti,
• autoveicoli per disinfezioni,
• auto pubblicitarie e per mostre pubblicitarie, con carrozzeria che non consenta altri usi e purché le cose trasportate non abbandonino mai il veicolo,
• autoveicoli per radio, televisione e cinema,
• autoveicoli adibiti a spettacoli viaggianti,
• autoveicoli attrezzati ad ambulatori mobili,
• autocappella,
• auto attrezzate per irrorare i campi,
• autosaldatrici,
• auto con installazioni telegrafiche,
• autoscavatrici,
• autoperforatrici,
• autosega,
• autoveicoli attrezzati con gruppi elettrogeni,
• autopompe per calcestruzzo,
• autoveicoli per uso abitazione,
• autoveicoli per uso ufficio,
• autoveicoli per uso officina,
• autoveicoli per uso negozio,
• autoveicoli attrezzati a laboratori mobili o con apparecchiature mobili di rilevamento,
• altri autoveicoli dotati di attrezzature riconosciute idonee dal DTNAGP.

VEICOLI PER USO SPECIALE IN BASE ALLE NORME UE

La normativa UE definisce, nell’ambito della categorie internazionali M, N, O, la sottocategria dei veicoli per uso speciale. Rientrano nella sottocategoria i veicoli con caratteristiche tecniche specifiche che gli consentono di svolgere una funzione che richiede disposizioni e/o attrezzature speciali.
La norma rielabora le precedenti disposizioni, individua le caratteristiche dei seguenti “veicoli per uso speciale” ed attribuisce un codice identificativo ad ogni categoria:
• camper (SA): un veicolo della categoria M con vano abitabile contenente almeno le seguenti attrezzature:
a) posti a sedere e tavolo,
b) cuccette eventualmente ottenute ribaltando i sedili,
c) impianti di cottura,
d) armadi o ripostigli; queste attrezzature devono essere fisse.

Tuttavia, il tavolo può essere di tipo amovibile;
• veicolo blindato (SB): un veicolo destinato alla protezione delle persone o delle merci trasportate, con carrozzeria a prova di proiettile;
• ambulanza (SC): un veicolo della categoria M adibito al trasporto di feriti o ammalati e dotato di apposite attrezzature speciali. Il vano adibito al trasporto dei pazienti deve soddisfare le prescrizioni tecniche della norma EN 1789:2007 “Veicoli medici e loro attrezzatura – Autoambulanze” ad eccezione della sezione 6.5 “Elenco delle attrezzature”;
• autofunebre (SD): un veicolo della categoria M adibito al trasporto delle salme e dotato di apposite attrezzature speciali;
• veicolo con accesso per sedie a rotelle (SH): un veicolo della categoria M1 costruito o trasformato in modo specifico per accogliere una o più persone su sedia a rotelle durante il trasposto su strada;
• caravan (SE): un veicolo della categoria O come definito al termine n. 3.2.1.3. della norma ISO 3833:1977;
• gru mobile (SF): un veicolo della categoria N3, non equipaggiato per il trasporto di merci, munito di una gru il cui momento di sollevamento è pari o superiore a 400 kNm;
• gruppo speciale (SG): un veicolo per uso speciale che non rientra in nessuna delle definizioni riportate nella presente sezione;
• carrello “dolly” (SJ): un veicolo della categoria O munito di ralla che sostiene un semirimorchio al fine di trasformarlo in un rimorchio;
• rimorchio per trasporto eccezionale (SK): un veicolo della categoria O4 destinato al trasporto di carichi indivisibili, soggetto a limitazioni della velocità e di circolazione a causa delle sue dimensioni; rientrano in questa voce anche i rimorchi modulari idraulici, indipendentemente dal numero di moduli.

15 commenti su “Che cosa sono gli autoveicoli ad uso speciale”

    • Buongiorno signora Nadia.
      In base al codice della strada articolo 54 lettera g) autoveicoli per uso speciale: veicoli caratterizzati dall’essere muniti permanentemente di speciali attrezzature e destinati prevalentemente al trasporto proprio.
      Su tali veicoli e’ consentito il trasporto del personale e dei materiali connessi col ciclo operativo delle attrezzature e di persone e cose connesse alla destinazione d’uso delle attrezzature stesse; non è possibile che per ottenere questa classificazione la carrozzeria sia intercambiabile. Cordiali saluti.

      Rispondi
  1. Devo comprare un furgone camperizzato ma non è omologato come tale ma “per spettacoli viaggianti”. Potrei avere dei problemi?grazie

    Rispondi
    • Buongiorno Erika.
      I furgoni camperizzati vanno “omologati” come autoveicoli ad uso speciale abitazione come previsto dall’articolo 54 del CDS e l’articolo 203 del Regolamento di attuazione al CDS.
      Un veicolo per spettacoli viaggianti, per nostra informazione, deve avere delle autorizzazioni per le volte che deve effettuare una sosta.

      Rispondi
    • La Ford Mustang Mach versione elettrica è un SUV a 5 porte.
      Da quello che si comprende dalla domanda è se è possibile trasformare l’auto da uso privato ad uso pubblico quale Taxi o NCC – noleggio con conducente.
      A nostro avviso la variazione è ammessa.

      Rispondi
  2. Buongiorno, ero intenzionato a comprare un furgone usato omologato sul libretto nel seguente modo:
    (J) N1
    (J1) AUTOVEICOLO PER USO SPECIALE- USO PROPRIO
    (J2) FO (furgone)
    Cambiando l’allestimento interno camperizzandolo ho problemi non comparendo nessuna dicitura che specifica l’uso speciale?!? Grazie mille

    Rispondi
    • Buongiorno.
      Non esiste una combinazione simile. Se il J1 è un uso speciale la carrozzeria J2 deve avere uno dei codici ad uso speciale, per esempio noi facciamo veicoli speciali laboratori mobili con codice G7
      Con la carrozzeria F0 è associato un Furgone per trasporto di cose (N1) = autocarro.
      Se partiamo da un veicolo N1 oggi è praticamente impossibile per un allestitore privato fare una camperizzazione (autocaravan art. 54 CDS).
      Se ci invia qualche copia di carta di circolazione e ci chiede cosa vuol realizzare forse possiamo essere più precisi.
      Cordialmente.

      Rispondi
  3. Buonasera, in merito all’immatricolazione degli autoveicoli ad uso speciale, dovrei immatricolare una Mercedes classe V adattata per il trasporto e guida disabili. In particolare oltre alle attrezzature per la guida da parte di un tetraplegico, è stata inserita una pedana sollevatrice.
    La motorizzazione è stato la mia richiesta di collaudo è immatricolazione come veicolo ad uso speciale nonostante io abbia inviato la richiesta tramite PEC citando la legge numero 145 del 30 dicembre 2018 pubblicata sulla Gazzetta ufficiale numero 102 del 31 dicembre 2018 la quale specifica il veicolo con accesso per sedia a rotelle come veicolo speciale.

    Ciò nonostante il fatto che già nel lontano 2002 il ministero delle infrastrutture e dei trasporti abbia allineato la vecchia legge del CDS alla (ormai non più) recente direttiva comunitaria 98/14/CE.

    Non so più come comportarmi e, ormai ci sto perdendo soldi e salute. Nonché altri danni dovuti all’impossibilità di svolgere l’esame pratico per il conseguimento della patente di guida con scadenza ad ottobre, a causa della mancanza del veicolo adattato.

    Rispondi
  4. Buon pomeriggio sto acquistando un Citroen Jumper omologato n1 trasporto cose uso proprio, e vorrei passare ad omologarlo ad “uso speciale abitativo” quali sono i passaggi da fare,e la motorizzazione dove farlo deve essere necessariamente della zona di residenza? Grazie

    Rispondi
    • Premesso che queste trasformazioni sono subordinate ad una normativa diversa che dalle autocaravan.
      I posti sono in funzione dei posti a sedere omologati nel veicolo originale di proveninenza.
      Volendo possiamo seguire tutte le fasi di progettazione allestimento e omologazione.
      Il collaudo si fa nella MCTC dove si esegue l’allestimento e l’officina ha la firma depositata.

      Rispondi
  5. Un veicolo N1 se omologato mezzo speciale uso abitativo é uguale ad un M1 con la stessa omologazione? Cioè ad esempio paga lo stesso bollo e si può usare allo stesso modo?
    Grazie

    Rispondi
    • Buongiorno. Per quanto riguarda l’utilizzo è allineato a quello di un’autovettura, ma dipende dalla trasformazione. Se viene omologato autocaravan è certamente un uso M1 trasporto prevalente di persone, se invece è un autoveicolo ad uso abitazione derivato da N1 a mio avviso resta un utilizzo come N1. I bolli sono in entrambi i casi importi di poche decine di euro.

      Rispondi

Lascia un commento